venerdì 14 febbraio 2014

La Speed Ladder

Durante la mia breve esperienza all'interno del Settore Giovanile Dilettantistico ho potuto notare quanto la Speed Ladder rappresenti un mezzo di allenamento efficace, se utilizzato costantemente, adattabile e completo, ma allo stesso tempo non molto considerato dagli addetti ai lavori.

Ecco perché ho deciso di dedicare un post completo su questo argomento, cercando, umilmente, di sensibilizzare gli allenatori ad utilizzare questo strumento che, nel tempo, mi ha regalao grandi soddisfazioni


Cerco di utilizzare la Speed Ladder in ogni allenamento adattando il suo impiego ai diversi obiettivi che intendo perseguire per mezzo dell'intera seduta.

Come ho scritto poche righe sopra, infatti, è uno strumento adattabile che può essere utilizzato a parte e a secco per sviluppare esclusivamente Capacità Coordinative come: Coordinazione Motoria, Propriocezione, Capacità di Ritmizzazione, di Equilibrio Dinamico e Combinazione e Capacità Condizionali come: Rapidità Globale e Velocità degli Arti Inferiori.

Ma ciò che mi ha permesso di capire l'importanza della "scaletta" è rappresentato dai notevoli miglioramenti che i ragazzi hanno dimostrato sotto il punto di vista della Tecnica.
Con il termine Tecnica si indica, infatti, l'insieme dei movimenti con o senza palla che vengono effettuati durante una partita.

Diventa quindi fondamentale, non solo dal punto di vista fisico, imparare a gestire la posizione del corpo nello spazio nel minor tempo possibile.
Ecco l' enorme importanza della Speed Ladder, che cerco costantemente di integrare all'interno di Esercitazioni per lo sviluppo della Tecnica di Base, Analitica e Generale

Un aspetto fondamentale che incide tantissimo sulla resa delle esercitazioni  è la DIFFERENZIAZIONE.

Variare costantemente i tipi di esercizi, infatti, è un principio importantissimo se intendiamo organizzare sedute di allenamento che abbiano come scopo quello di sviluppare e migliorare le Capacità Coordinative, le quali si consolidano nelle Esperienze di Adattamento a situazioni nuove.

Non dobbiamo, inoltre, perdere di vista un principio fondamentale: le Fasi Sensibili, cioè i periodi più favorevoli per la formazione e lo sviluppo di determinate Capacità Condizionali e Coordinative.




Dalla consutazione di queste tabelle si può comprendere che la fascia d'età  migliore per lavorare sugli obiettivi sopraelencati è quella compresa tra i 7-8 anni fino ai 13-14-15.

Lavorare costantemente e in maniera differenziata con la Spedd Ladder 
all' interno di questa fascia può essere veramente motivo di grande soddisfazione e, sprattutto, può permetterci di fornire ai ragazzi un aiuto importante per il miglioramento delle qualità del calciatore.